Reparti ~ Ortopedia

L'ortopedia è la disciplina medica che studia l'apparato locomotore. Essa include in particolare la chirurgia ortopedica, ovvero il trattamento chirurgico delle relative affezioni. L'attuale ambito d'azione dell'ortopedia comprende la prevenzione e cura delle malformazioni congenite e acquisite dell'apparato locomotore, la diagnostica e la terapia di malattie che hanno localizzazione negli organi di sostegno e movimento, cioè colonna vertebrale e arti e la traumatologia.

I medici ortopedici (chiamati semplicemente "ortopedici") sono specializzati nella diagnosi e nel trattamento dei problemi del sistema muscolo-scheletrico. Esso comprende: ossa, articolazioni, legamenti, tendini, muscoli e nervi.

Un certo numero di altri professionisti offrono opzioni non-chirurgiche di trattamento per problemi ortopedici, quali: fisioterapia, terapia occupazionale, podologia. Le condizioni che richiedono l'utilizzo di farmaci e/o un intervento chirurgico sono però gestiti esclusivamente da chirurghi ortopedici e chirurghi podiatrici.

La pratica ortopedica risale a epoche lontane, eppure la parola "ortopedia" iniziò a essere usata solo a partire dal 1741. Fu coniata dal medico francese Nicolas Andry, professore di Medicina a Lione, a partire da due termini in greco antico, ovvero orthòs diritto e pàis bambino, in quanto essa aveva come obiettivo quello di correggere le deformità del fisico nei bambini. Il simbolo dell'ortopedia è infatti un albero torto legato ad un tutore tramite una corda. Un'altra possibile etimologia associa le radici greche orthos e paiden (camminare), assegnando al termine il significato di "camminare diritto". Più sensata è l'etimologia che associa le radici greche "orthos" e "paideia" (educazione), nei termini di origine greca il termine al genitivo antecede il nome di cui si fa la specificazione, col significato di "educazione allo star diritti".